Fattori di rischio della gravidanza: età, peso, condizioni preesistenti e altro

Descrizione

Ogni gravidanza comporta i suoi rischi. Ma una buona assistenza e supporto prenatale può aiutarti a ridurre al minimo questi rischi. Fattori come l’età e lo stato di salute generale possono aumentare le possibilità di avere complicazioni durante la gravidanza.

Anomalie riproduttive

Problemi strutturali nell’utero o nella cervice possono aumentare il rischio di difficoltà come aborto spontaneo, feto posizionato in modo anomalo e travaglio difficile.

Questi problemi aumentano anche il rischio di un parto cesareo.

Donne sotto i 20 anni

Le donne di età inferiore ai 20 anni hanno un rischio significativamente più elevato di gravi complicazioni mediche legate alla gravidanza rispetto a quelle di età superiore ai 20. Le madri adolescenti hanno maggiori probabilità di:

Alcuni fattori di rischio legati alla giovane età includono i seguenti.

[Produzione: formatta quanto segue come elenco di lunga durata]

Donne sopra i 35 anni

Invecchiando, le tue possibilità di concepire iniziano a diminuire. Una donna anziana che rimane incinta ha anche meno probabilità di avere una gravidanza senza problemi.

I problemi comuni includono quanto segue:

Condizioni sottostanti

Le donne anziane hanno maggiori probabilità di avere condizioni come ipertensione, diabete o malattie cardiovascolari che possono complicare la gravidanza. Quando queste condizioni non sono ben controllate, possono contribuire ad aborto spontaneo, scarsa crescita fetale e difetti alla nascita.

Problemi cromosomici

Una donna sopra i 35 anni ha un rischio maggiore di avere un figlio con difetti alla nascita dovuti a problemi cromosomici.

La sindrome di Down è il difetto congenito più comune correlato ai cromosomi. Causa vari gradi di disabilità intellettiva e anomalie fisiche. Lo screening e i test prenatali possono aiutare a determinare la probabilità di complicanze cromosomiche.

Aborto Spontaneo

Secondo Mayo Clinic, il rischio di aborto spontaneo aumenta per le donne di età superiore ai 35 anni.

Sebbene la ragione di ciò non sia chiara, si ritiene che sia dovuta a un aumento del rischio di condizioni mediche preesistenti combinato con una diminuzione della qualità degli ovuli di una donna con l’invecchiamento.

uno studio ha anche scoperto che l’età paterna può avere un effetto sull’aborto spontaneo: se il padre ha più di 40 anni e la madre ha più di 35 anni, il rischio di aborto è molto maggiore che se solo la donna ha più di 35 anni.

Altre complicazioni

Le donne sopra i 35 anni hanno maggiori probabilità di avere complicazioni comunemente associate alla gravidanza indipendentemente dall’età, tra cui:

  • un aumento del rischio di sviluppare ipertensione o diabete gestazionale durante la gravidanza
  • avere maggiori probabilità di avere una gravidanza multipla (gemelli o triplette) maggiore probabilità di basso peso alla nascita
  • che necessitano di un parto cesareo

Peso

Essere in sovrappeso o sottopeso può portare a complicazioni durante la gravidanza.

Obesità

Le donne obese corrono un rischio maggiore rispetto alle donne di peso normale di avere bambini con determinati difetti alla nascita, tra cui:

Le donne obese hanno anche maggiori probabilità di essere diagnosticate con diabete gestazionale durante la gravidanza o di avere la pressione alta. Ciò può portare a un bambino più piccolo del previsto e aumentare il rischio di preeclampsia.

Sottopeso

Le donne che pesano meno di 100 libbre hanno maggiori probabilità di partorire prematuramente o dare alla luce un bambino sottopeso.

Diabete

Le persone con diabete di tipo 1 e di tipo 2 possono avere complicazioni durante la gravidanza. Uno scarso controllo del diabete può aumentare le possibilità di difetti alla nascita nel bambino e può causare problemi di salute alla madre.

Se non hai avuto il diabete prima della gravidanza, potresti essere diagnosticato con sintomi diabetici durante la gravidanza. Questo si chiama diabete gestazionale.

Se ti viene diagnosticato un diabete gestazionale, dovresti parlare con il tuo medico delle raccomandazioni specifiche per controllare la glicemia. Saranno raccomandati cambiamenti dietetici. Ti verrà anche consigliato di monitorare i livelli di zucchero nel sangue.

Potrebbe essere necessario assumere insulina per controllare i livelli di zucchero nel sangue. Le donne che hanno il diabete gestazionale corrono un rischio molto più elevato di sviluppare il diabete dopo la fine della gravidanza. Si consiglia di eseguire il test per il diabete una volta terminata la gravidanza.

Infezioni sessualmente trasmissibili (IST)

Dovresti essere sottoposto a screening per le IST durante la tua prima visita prenatale. È molto probabile che le donne che hanno una STI lo trasmettano al loro bambino. A seconda dell’infezione, un bambino nato da una donna con una STI ha un rischio maggiore di:

Le malattie sessualmente trasmissibili che vengono comunemente sottoposte a screening durante le visite prenatali includono:

Non solo c’è il rischio che queste infezioni possano essere trasmesse da madre a figlio, ma possono anche causare gravi complicazioni durante la gravidanza. Ad esempio, un’infezione da gonorrea non trattata può aumentare il rischio di aborto spontaneo, parto prematuro e basso peso alla nascita.

Le donne incinte che hanno l’HIV possono trasmettere il virus al loro bambino durante la gravidanza, il parto o l’allattamento. Per evitare ciò, le madri con HIV dovrebbero assumere farmaci per il trattamento dell’HIV.

I bambini nati da madri che convivono con l’HIV possono ricevere tali farmaci per diverse settimane dopo la nascita.

Le madri sieropositive con un partner sieropositivo dovrebbero parlare con il proprio medico dell’assunzione di profilassi pre-esposizione (PrEP) per ridurre le loro possibilità di contrarre l’HIV.

Condizioni mediche preesistenti

Alcune condizioni mediche preesistenti possono renderti più suscettibile alle complicazioni durante la gravidanza. Alcuni esempi includono:

Alta pressione sanguigna

Le donne incinte con ipertensione cronica sono a maggior rischio di un neonato con basso peso alla nascita, parto pretermine, danni ai reni e preeclampsia durante la gravidanza.

Sindrome da ovaie policistiche (PCOS)

La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è un disturbo ormonale che può causare periodi irregolari e il malfunzionamento delle ovaie. Le donne incinte con PCOS hanno un rischio maggiore di aborto spontaneo, parto prematuro, diabete gestazionale e preeclampsia.

Malattia autoimmune

Esempi di malattie autoimmuni includono condizioni come la sclerosi multipla (SM) e il lupus.

Le donne con una malattia autoimmune possono essere a rischio di parto prematuro o di natimortalità. Inoltre, alcuni farmaci usati per trattare le malattie autoimmuni possono danneggiare il feto in via di sviluppo.

Malattie renali

Le donne con malattie renali hanno un aumentato rischio di aborto spontaneo. Inoltre, dovrebbero collaborare con il proprio medico durante la gravidanza per monitorare la dieta e i farmaci.

Malattia della tiroide

L’ipertiroidismo (tiroide iperattiva) o l’ipotiroidismo (tiroide iperattiva) che non sono controllati possono portare a insufficienza cardiaca o scarso aumento di peso nel feto e difetti alla nascita.

Asma

L’asma non controllato può aumentare il rischio di scarso aumento di peso fetale e parto prematuro.

Fibromi uterini

Sebbene i fibromi uterini possano essere relativamente comuni, in rari casi possono causare aborto spontaneo e parto prematuro. Quando un fibroma blocca il canale del parto può essere necessario un parto cesareo.

Gravidanze multiple

Se hai avuto cinque o più gravidanze precedenti, sei più suscettibile a un travaglio anormalmente rapido e ad un’eccessiva perdita di sangue durante le fatiche future.

Gravidanze con parto multiplo

Le complicazioni sorgono nelle gravidanze con parto multiplo perché più di un bambino sta crescendo nell’utero. A causa della quantità limitata di spazio e dello sforzo aggiuntivo che più feti sottopongono a una donna, è più probabile che questi bambini arrivino prematuramente.

Molte complicazioni della gravidanza, come l’ipertensione e il diabete, sono più comuni nelle gravidanze multiple.

Precedenti complicazioni con la gravidanza

Se hai avuto complicazioni in una gravidanza precedente, potresti avere maggiori probabilità di avere la stessa complicanza nelle gravidanze successive. Gli esempi includono cose come un parto pretermine precedente, una precedente natimortalità o una precedente incidenza di problemi genetici o cromosomici.

Takeaway

Sebbene ogni gravidanza presenti dei rischi, alcuni fattori come l’età, il peso e le condizioni mediche preesistenti possono portare a un aumento del rischio di complicanze.

Se rientri in uno di questi gruppi, dovresti assicurarti di parlarne con il tuo medico. In questo modo, puoi ottenere le cure prenatali e l’assistenza di cui hai bisogno riducendo i rischi.

Lascia un commento